Dolci

Prodotti da forno semplici e tradizionali, penetranti profumi d'anice e gustose mandorle, noci e fichi secchi, miele, mosto d'uva e ricotta: queste le note dominanti delle antiche ricette dei dolci piceni. Dolci per tutte le stagioni e perfetti coronamenti di ogni pranzo, spiccano il ciambellone, un tempo accompagnato con la crema fatta in casa e il classico bicchierino di vino cotto, le ciambelle morbide profumate all'anice o al mosto, e le croccanti ciambelline al vino; e naturalmente gli inconfondibili funghetti di Offida, aromatizzati all'anice, e molto particolari nella forma, gusto e consistenza. L'anice (anice verde tipica di queste zone, Pimpinella Anisum; un tempo la migliore era coltivata nel territorio di Castignano) è d'altra parte anche la protagonista di due ottimi distillati quali l'anisetta, più dolce, e il mistrà, più secco e tradizionale espressione della cultura contadina, anticamente realizzato anche aromatizzando il distillato con finocchietto selvatico, mele e arance. E ancora, i cacioni, o piconi, nella loro versione dolce (ne esiste una salata, con ripieno a base di formaggio pecorino), ravioli a forma di mezzaluna con un involucro di sfoglia croccante, molto gialla e lucida (per la spennellata esterna di tuorlo d'uovo) e ripieni di ricotta, uova e zucchero, o anche arricchiti con cacao. Tra i dolci tipicamente autunnali c'è invece il tipico panetto di fichi, specialità di Monsampolo del Tronto, tradizionalmente venduto durante la fiera di S. Martino (11 novembre) a Grottammare: è un particolare dolce costituito da una parte esterna di base di fichi essiccati, arricchiti di mandorle tostate e tritate, cedro candito, cacao, vaniglia, buccia d'arancia candita e cannella. Particolare e gustoso, ottimo fine pasto, come tutti i dolci semplici e fragranti che chiudono con gusto l'ottima tavola della tradizione proposta dall'agriturismo Il Crinale.