Il vicino Abruzzo

Un lungo itinerario tra i borghi storici, le bellezze artistiche e naturali e le gustose specialità enogastronomiche del vicino territorio abruzzese, precisamente nella provincia di Teramo, che si snoda a partire da Ancarano, passando per la suggestiva Civitella del Tronto e visitando località costiere come Giulianova e Tortoreto.

Da Castorano ci si immette sulla superstrada Ascoli - Mare e la si percorre fino all'uscita di Ancarano. Ancarano, antico borgo originariamente legato al popolo dei Piceni, distrutto dai Franchi e ricostruito da Carlo Magno, oggi offre i resti del suo borgo fortificato con la Porta da Monte e quella da Mare, e la torre campanaria simbolo della città. Bella anche la chiesa della Madonna della Misericordia (XVII secolo) a pianta ottagonale.

L'itinerario prosegue verso Civitella del Tronto, stupenda località in una posizione geografica particolare e suggestiva, caratterizzata dalla sua maestosa fortezza.

Si continua per Campli, splendida città d'arte a poca distanza da Teramo, ricca di belle architetture medievali e rinascimentali e di opere d'arte. Lasciata Campli, la tappa successiva è Mosciano Sant'Angelo, centro di antica fondazione (897 d. C.), le cui origini sono legate all'opera dei monaci benedettini. Tornando verso la costa, è la volta di Giulianova, gradevole cittadina turistica con bel centro storico caratterizzato da edifici rinascimentali.

Tornando verso nord sulla costa, si incontra Tortoreto, con la frazione moderna di Tortoreto Lido e il borgo medievale con le sue belle chiese: S. Maria della Misericordia, chiesa sconsacrata del XIV secolo, con affreschi della scuola di Cola d'Amatrice; la rinascimentale S. Nicola, con la sua facciata in cotto; la chiesa di Sant'Agostino con all'interno la statua settecentesca della Madonna della Consolazione.

E infine Colonnella, ancora verso nord, nell'immediato entroterra di Martinsicuro (per tornare a Castorano riprendere la superstrada Ascoli - Mare). Colonnella, borgo nato sulle vestigia dell'antica Truentum, nota per la tintura dei tessuti con la porpora, offre alcune belle chiese, come quella dei SS. Cipriano e Giustina, semplice e maestosa, in laterizio. Tipiche anche le case in terra cruda (pencire), patrimonio storico e culturale oggi rivalutato.